<link href="https://cdnjs.cloudflare.com/ajax/libs/simple-line-icons/2.4.1/css/simple-line-icons.min.css" rel="stylesheet" type="text/css"/>

 

Nell'ambito del marketing digitale, SEO e SEM sono le parole d'ordine di qualunque agenzia di comunicazione che collabora con l'azienda cliente. SE è SEO acronimo di Search Engine Optomization, ossia tutte le azioni volte a una più efficace ottimizzazione di un sito web nelle ricerche degli utenti, ciò avviene all'interno di una campagna SEM, ossia di una vera e propria azione strutturata di marketing (SEM infatti significa Search Engine Marketing) allo scopo di intercettare nuovi clienti, aumentare la visibilità del marchio e generare conversioni. Ma come si pianifica una campagna SEM? Scopriamo insieme i rudimenti fondamentali per strutturare un'azione efficace ed efficiente.

Come organizzare una campagna SEM

In buona sostanza una campagna SEM è frutto dell'azione combinata di due attività, il SEO che abbiamo già spiegato a grandi linee nell'introduzione, e che permette di migliorare il posizionamento del sito web all'interno dei motori di ricerca utilizzati dagli utenti attraverso vari azioni, come il link building, l'uso corretto di parole chiave, e via discorrendo. Ma per avere una campagna SEM performante bisogna aggiungere al SEO anche il SEA, acronimo di Search Engine Advertising, ossia campagne a pagamento mediante l'acquisto di spazi sponsorizzati su determinate piattaforme, in modo da ingenerare un traffico profilato per convertire un obiettivo prefissato, come ad esempio la vendita di un prodotto e/o servizio, garantendo un'alta visibilità in poco tempo.

Per creare una campagna SEM che funzioni in maniera ottimale per il cliente, l'agenzia di comunicazione e marketing deve tenere presente le diverse fasi che caratterizzano tale attività, ovvero:

  • Fissare l'obiettivo da raggiungere
  • Creare degli account nelle piattaforme come Google Ads o Yahoo Search Marketing
  • Creare annunci per ogni campagna SEM utilizzando le parole chiave giuste
  • Monitorare e controllare i risultati della campagna per verificarne l'efficacia

Quali sono i vantaggi di una campagna SEM?

Per quanto possa sembrare banale rammentarlo, oggi il web marketing SEO è essenziale per qualsiasi azienda che operi in qualsivoglia settore, in osservanza ai dettami della cosiddetta new economy. Pertanto una campagna SEM, che appunto combina SEO e SEA, è essenziale per generare una crescita virtuosa della propria impresa, in quanto la capacità di ottenere tale risultato finale passa in gran parte nell'opportunità di essere in testa alle ricerche degli utenti che usano i motori di ricerca, in particolare Google che come è ben noto è il più utilizzato di questi strumenti. La campagna SEM è lo strumento più rapido ed efficace per sfruttare le potenzialità degli strumenti web, attirando visitatori e intercettando clienti con la giusta combinazione di SEO e SEA.

I principali vantaggi di una campagna SEM pososno essere sintetizzati in questo schema:

  • Tempistiche più brevi nel raggiungere gli obietivi prefissati
  • Maggiore controllo sulle variabili legate agli aggiornamenti dell'algoritmo dei motori di ricerca
  • Capacità di intercettazione superiore dei clienti profilati
  • Monitoraggio in tempo reale che permette di effettuare correzioni in tempo senza sforare budget di spesa stanziati

Gli obiettivi della campagna SEM vengono definiti in fase di programmazione, e sulla scorta di essi viene stanziato il budget con le risorse adeguate e le relative strategie che nell'ordine portino a ottenere visibilità, traffico, conversioni e vendite.

I costi di una campagna SEM

Quanto può costare una campagna SEM? Prima di rispondere a tale quesito è importante pianficiare quanto destinare all'ottimizzazione organica e quanto investire invece nelle Ads on line. Ma tali considerazioni preliminari sono soggette sempre a cambiamenti dinamici in base al ROI, il ritorno sull’investimento pari alle entrate generate meno il costo dell'investimento stesso. Una stima dei costi per la campagna SEM deve tenere conto dei diversi sistemi di pagamento sulle piattaforme in Rete: i più comuni sono

  1. CPM (Costo per Mille): il prezzo è conteggiato ogni mille impressioni del banner pubblicitario, ciò significa che per 1 € / CPM si paga 5 € al raggiungimento delle 5.000 impressioni. Si tratta dello schema di costo più diffuso per gli annunci on line
  2. PPC (Pay Per Click): si paga solo quando l’utente clicca sul link dell’annuncio, ed è la modalità di pubblicità più utilizzata per le campagne SEM
  3. CPA (Cost Per Acquisition): il conteggio avviene quando un utente compie un'azione specifica sull’annuncio e tale azione è predeterminata come obiettivo della campagna (fare un download, installar eun app, ecc.) . Questo sistema permette di capire l'effettivo impatto economico della campagna SEM

 

BLOG COMMENTS POWERED BY DISQUS